GLI SCIAMANI SAPEVANO

Andare in basso

GLI SCIAMANI SAPEVANO

Messaggio Da giallop il Dom Set 20, 2009 10:02 am

Gli stessi dèi costruttori del macchinario alieno in siberia avvisarono gli sciamani dell'imminente catastrofe.

I primi a venire a conoscenza dell’incombente calamità furono gli sciamani delle tribù locali. Due mesi prima dell’esplosione nella taiga iniziarono a circolare voci sulla prossima fine del mondo. Gli sciamani (dopo aver appreso dagli antenati il volere degli dei) cominciarono a spostarsi da un insediamento all’altro, avvertendo le popolazioni limitrofe dell’imminente cataclisma, le quali cominciarono a trasferirsi con le proprie mandrie in luoghi più sicuri. L’esodo degli Evenki iniziò subito dopo il raduno, avvenuto nel mese di maggio, di tutti i clan nomadi. “Gli anziani
stabilirono che bisognava cambiare il tracciato ciclico delle loro emigrazioni e che i clan dovevano spostarsi assieme lungo quello nuovo. Vi fu quindi un’importante circostanza rituale nella quale si annunciò la "Fine del Mondo" .
(Valery Uvarov)




Identikit dello sciamano
Lo sciamanesimo è la forma di spiritualità più antica del mondo. Non ha né leggi né templi: poggia le sue fondamenta solo sull’incontro diretto con gli Spiriti, applicando una sapienza atavica in cui medicina, magia e mistica sono inestricabilmente intrecciate. Per gli sciamani malattia e sofferenza sono solo sentieri nella foresta, dove può accadere di smarrirsi ma da cui è anche possibile tornare indietro. Il compito dei veri sciamani è di cercare le anime smarrite. I loro metodi sono così primordiali e assoluti da essere del tutto simili in ogni parte del mondo, in popolazioni mai venute in contatto tra loro, come gli indios del Rio delle Amazzoni o gli aborigeni australiani. (Costantino Paglialunga)

Sciamanesimo e Pscipatologia
Alcuni studiosi hanno definito gli sciamani artici e siberiani come succubi di malattie nervose o di varie forme di isteria artica. Questo pensiero è dovuto essenzialmente all’influenza dell’ ambiente sulla labilità nervosa degli abitanti delle regioni polari. Il grande freddo, le notti molto lunghe, la solitudine, la mancanza di vitamine avrebbero agito sulla costituzione nervosa delle popolazioni artiche provocando malattie mentali. Secondo questo modello anche la trance sciamanica sembra esserne una sua diretta conseguenza.

Ma le cose stanno proprio così?
Il primo passo verso la vocazione sciamanica avviene con la guarigione del proprio corpo, gli sciamani sono malati che hanno guarito prima di tutti se stessi. "Quando la vocazione dello sciamano si manifesta attraverso una malattia o un attacco epilettoide, l’iniziazione del candidato equivale spesso alla guarigione".

A tal proposito vengono riportati alcuni esempi:
Il famoso sciamano yakuta Tiisput (cioè: « caduto dal Cielo ») era stato malato a vent'anni; si mise a cantare e si senti meglio. Quando Sieroszewski (ricercatore) l'incontrò aveva sessant'an­ni; e dava prova di una infaticabile energia. « Se occorreva, poteva battere il tamburo, ballare e saltare per tutta una notte ». Peraltro, era un uomo che aveva viaggiato; aveva perfino lavo­rato nelle miniere d'oro della Siberia. Ma sentiva il bisogno di far dello sciamanismo: se restava troppo tempo senza farne, si sentiva male. “Non si conoscono sciamani fra i miei ascendenti più prossimi. I miei genitori godono di una perfet­ta salute. Io ho quarant'anni, sono sposato e non ho figli. Fino ai venti anni stavo benissimo; poi mi ammalai, il corpo mi dole­va, avevo dei terribili mali di testa. Degli sciamani cercarono di guarirmi senza riuscirvi. Quando io stesso mi misi a far dello sciamanismo, il mio stato migliorò. Divenni sciamano dieci anni or sono, ma sul principio non esercitai questa qualità che su me stesso; è solo da tre anni che mi sono dato a curare anche gli altri. La professione dello sciamano è faticosa, molto, molto faticosa ".
"Sandschejew (ricercatore) incontrò un Buriate che, da giovane, era stato « antisciamanista ». Ma si ammalò e, dopo aver cercato inutil­mente la guarigione (per trovare un buon medico si spinse fi­no a Irkutsk), tentò di far dello sciamanismo. Guarì immediata­mente e divenne sciamano per il resto della vita”.
Anche Sternberg (ricercatore) rileva che l'elezione dello sciamano si manifesta at­traverso una grave malattia che generalmente coincide con la maturità sessuale. "Ma il futuro sciamano finisce col guarire gra­zie all'aiuto di quegli stessi spiriti che in seguito diverranno gli spiriti protettori e ausiliari. Talvolta questi sono degli antenati che desiderano trasmettergli gli “spiriti ausiliari” rimasti disponibili. In realtà, si tratta di una specie di trasmissione ere­ditaria: in tali casi la malattia non è che un segno della « scelta » e si dimostra passeggera”.
Lo sciamano è una persona in grado di una notevole capacità di autocontrollo, molte volte è costretto in spazi strettissimi e in mezzo alla gente a compiere balli che durano ore, con dei costumi pesanti fino a quindici chili in oggetti vari di ferro, senza peraltro urtare nessuno dei presenti. Lo sciamano durante la cerimonia di un rito in trance può precipitarsi da ogni parte a occhi chiusi, trovando ugualmente gli oggetti che gli occorrono. Ne evince che la memoria e la capacità di autocontrollo sono in lui superiori alla media. Studi accurati hanno dimostrato che generalmente è sano e intellettualmente superiore alla media delle persone con cui vive.
Questi studi ci permettono di sfatare il mito dello sciamano "epilettico" e di considerarlo invece una persona normale, anzi un prescelto.

Trasmissione ereditaria e DNA
Lo sciamano yacuta (originario dei luoghi dov' è accaduto l’evento di Tunguska) può ricevere, secondo le usanze del posto, la chiamata al servizio in due modi: attraverso la trasmissione ereditaria o per vocazione. Spiegato da un punto di vista scientifico si può affermare che il DNA dello sciamano è strutturato in modo da poter comunicare con gli spiriti.
Il lettore più attento avrà sicuramente notato il parallelismo con i casi di "abduction" (il rapimento di esseri umani da parte di U.F.O), anche in questo caso gli “addotti” sono dei "prescelti" cioè persone che hanno un DNA particolare.

A mio avviso questo è più di un semplice parallelismo, infatti metterei sullo stesso piano addotti e sciamani. Credo infatti che gli dèi che hanno salvato le tribù nomadi a Tunguska, non siano altro che i misteriosi visitatori dello spazio.
Questi dèi vengono citati nella Bibbia, nella cultura mesopotamica, in quella indiana, nelle principali civiltà antiche di tutto il mondo come portatori di progresso. Stiamo parlando di una razza avanzata che ha fatto evolvere l'uomo, insegnadogli la scienza, la matematica, l'agricoltura, l'architettura ecc. e creato sulla terra le condizioni perchè la nostra civiltà potesse progredire "serenamente" senza involuzioni dovute ad impatti cosmici (ecco lo scopo del misterioso apparato alieno).
avatar
giallop
VICEPRESIDENTE DEL FORUM
VICEPRESIDENTE DEL FORUM

Maschio Gemelli Tigre
DATA DI ISCRIZIONE : 02.02.09
NUMERO DI MESSAGGI : 1037
ETÀ : 44 LOCALITÀ : Parma
RISPETTO REGOLE : SI
PUNTI : 5569 REPUTAZIONE : 28
MEDAGLIE : Esperto misteri e ufologia Esperto scienza

http://tunguska-siberia.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: GLI SCIAMANI SAPEVANO

Messaggio Da GIANLUCA1989 il Dom Set 20, 2009 12:46 pm

Stiamo parlando di una razza avanzata che ha fatto evolvere l'uomo, insegnadogli la scienza, la matematica, l'agricoltura, l'architettura ecc. e creato sulla terra le condizioni perchè la nostra civiltà potesse progredire "serenamente" senza involuzioni dovute ad impatti cosmici (ecco lo scopo del misterioso apparato alieno).
Io sono della tua stessa opinione....Secondo me è grazie a loro che siamo arrivati fin qui.... io potrei anche dire..è grazie a loro che l'uomo si è evoluto Smile ...
Credo infatti che gli dèi che hanno salvato le tribù nomadi a Tunguska, non siano altro che i misteriosi visitatori dello spazio.
Gli dei(alieni) ... secondo me... sono gli stessi dei maya,degli egizi, e di molte altre civiltà Smile

________________________firma________________________

Sono l'amministratore del forum: Questo è il mio blog: La scienza dello spazio e la mia pagina facebook CITTA' DI RIETI
avatar
GIANLUCA1989
PRESIDENTE DEL FORUM
PRESIDENTE DEL FORUM

Maschio Cancro Serpente
DATA DI ISCRIZIONE : 22.03.08
NUMERO DI MESSAGGI : 2475
ETÀ : 29 LOCALITÀ : Rieti
RISPETTO REGOLE : SI
PUNTI : 7004 REPUTAZIONE : 14
MEDAGLIE : Esperto scienza ESPERTO TECNOLOGIA E INFORMATICA Esperto misteri e ufologia

http://WWW.GIANLUCA1989.BLOGSPOT.COM

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum