Il mistero dell'antimateria

Andare in basso

Il mistero dell'antimateria

Messaggio Da giallop il Sab Nov 20, 2010 2:05 pm

La parola stessa ha un’attrazione irresistibile. Antimateria. Tutto ciò che è “anti” ha sempre affascinato l’uomo. Forse prima ancora dell’Anticristo. Tra un’intuizione religiosa e una sollecitazione filosofica, è la conferma della simmetria. Bene e male, vita e morte, l’uno e il suo contrario. Se esiste qualcosa esiste anche il suo opposto. Dunque, materia e antimateria. Mondo e antimondo. Cariche positive e cariche negative. Fino a una certezza: se l’opposto non si trova non significa che non esiste. Semplicemente, è nascosto da qualche parte. Lo specchio, in fondo, è il senso dell’universo, dell’incontro e dello scontro, della nascita e della distruzione. Per la scienza, ma non solo.

L’antimateria, somma delle anti-particelle, evoca mistero, oscurità. Ed energia. Da qui la presa sul cinema, sui libri. "Angeli e demoni" di Dan Brown, certamente, "Star Trek", fiction e divulgazione, e c’è da attendersi altro, soprattutto dopo la notizia che i pirotecnici tunnel del Cern di Ginevra hanno imprigionato 38 atomi di anti-idrogeno. Hanno catturato, in altre parole, il contrario che tende a sfuggire. Per capire come è nato il mondo e, aldilà delle ipotesi, per ottenere uno sfruttamento pratico. Se non si trova un super propellente nessuna navicella potrà raggiungere altri pianeti. Con l’antimateria si potrebbe? Forse. Il confine tra scienza e fantascienza, a questo punto, è labilissimo, tanto più per lo scarto fra teoria e prova, tra sistemi sulla carta e validità empirica. D’altra parte parliamo di velocità inconcepibili, di temperature inimmaginabili. E di energie impareggiabili. E tutto questo in uno sfondo ancora più misterioso: il cosmo è fatto di luce e e oscurità. Siamo solo una piccola parte di quello che vediamo o possiamo ragionevolmente immaginare. La segreta poesia delle galassie, nella sua completezza, ci sfugge.

Come l’antimateria. Per capirne qualcosa suggeriamo il recentissimo libro ("Antimateria") di Frank Close. E torniamo al concetto principale: l’energia. Ciò che principalmente interessa alla scienza. Qual è, intanto la scala di valori? La cronaca aiuta. Il 30 giugno 1908, nella valle del fiume Tunguska, in Siberia, fu registrata una gigantesca esplosione e qualcuno vide una palla di fuoco cadere dal cielo. Si sprigionò un enorme calore, quasi tutti gli animali scomparvero senza lasciare tracce. Si rilevarono onde sismiche, il bagliore fu visibile a 700 km di distanza. Molti, troppi, i particolari strani. Con tutta probabilità si trattò di una collisione con un frammento di cometa, ma non è stata ancora totalmente scartata l’ipotesi di un’esplosione causata da un blocco di antimateria, un pezzetto di anti-roccia.

http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/203706

________________________firma________________________

Cancella la tua mente e vedrai il sentiero
avatar
giallop
VICEPRESIDENTE DEL FORUM
VICEPRESIDENTE DEL FORUM

Maschio Gemelli Tigre
DATA DI ISCRIZIONE : 02.02.09
NUMERO DI MESSAGGI : 1037
ETÀ : 44 LOCALITÀ : Parma
RISPETTO REGOLE : SI
PUNTI : 5507 REPUTAZIONE : 28
MEDAGLIE : Esperto misteri e ufologia Esperto scienza

http://tunguska-siberia.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum